Ricordando una vita Blog |  In lutto per la morte di Coronavirus: aiuto per

Se qualcuno che ami è morto a causa del nuovo coronavirus, è probabile che tu stia affrontando una serie di circostanze difficili. Il dolore è sempre difficile, ma è particolarmente difficile ogni volta che una morte è improvvisa, inaspettata e si svolge in modi che violano le nostre aspettative e pongono barriere ai rituali culturali del dolore che ci aiutano a superare.

Sono stato un consulente del dolore ed educatore per oltre quarant’anni e questa pandemia è diversa da qualsiasi cosa abbia mai incontrato. Mi dispiace che tu sia stato così profondamente colpito da questa difficoltà.

Innanzitutto, è importante capire che il dolore è sempre normale e necessario. Fa parte del nostro amore. Ma in situazioni di perdita complicate, anche il dolore che ne consegue spesso diventa complicato. È essenzialmente un dolore normale in una situazione di perdita anormalmente impegnativa.

Se è qui che ti trovi in ​​questo momento, spero che questo articolo ti offra qualche affermazione, conforto e speranza nelle settimane a venire.

Se non potevi stare con la persona che stava morendo, o se non potevi vedere o trascorrere del tempo con il corpo dopo la morte

Nella maggior parte dei casi, i protocolli per le malattie infettive tengono separati i propri cari da coloro che sono gravemente malati o stanno morendo. Che tu fossi dall’altra parte del paese o semplicemente in fondo alla strada, probabilmente ti sei sentito frustrato e forse anche sconvolto dal fatto di non poter essere al fianco della persona amata.

Sebbene la separazione forzata possa essere stata necessaria, potresti comprensibilmente sentirti derubato dei preziosi ultimi momenti e degli addii.

A volte i caregiver ospedalieri sono stati in grado di utilizzare la tecnologia per aiutare le famiglie a comunicare con i propri cari che muoiono di COVID-19 (o altre cause durante questo periodo di restrizioni). Spero che questo sia vero per te, ma mi rendo anche conto che queste misure non sono la stessa cosa che esistono.

Tenere le mani dei morenti e passare del tempo con il corpo in seguito sono modi in cui noi come esseri umani riconosciamo la realtà di una morte e iniziamo ad abbracciare il dolore della perdita. Questi sono due bisogni essenziali di lutto che sarà naturalmente più difficile per te soddisfare nelle settimane e nei mesi a venire.

Ti incoraggio a esprimere i tuoi pensieri e sentimenti su queste circostanze con persone che sono buoni ascoltatori. Quando sarà il momento giusto, ti incoraggio anche a contattare il personale dell’ospedale e/o delle pompe funebri che si è preso cura della persona amata e chiedere loro di dirti tutto ciò che possono. Se riesci a ricostruire anche solo un po’ quello che è successo, probabilmente ti sentirai meglio. Spesso le nostre menti sono alla ricerca di alcuni dettagli e assicurazioni e, quando vengono forniti, possiamo riposare un po’ più facilmente.

Se un funerale non era possibile o è stato ritardato

I funerali sono essenziali perché ci aiutano a iniziare a soddisfare tutte le nostre esigenze di lutto. Il viaggio in lutto spesso richiede anni e un buon funerale ci avvia su una buona strada.

I funerali ci aiutano a riconoscere e ad accettare la realtà di una morte, condividere ricordi, convertire il nostro rapporto con la persona morta da uno di presenza a uno di memoria, dare e ricevere sostegno sociale, esprimere il nostro dolore ad alta voce, considerare il senso della vita e morte e aiutaci a iniziare a pensare a come vivere la vita in avanti con significato e scopo.

Eppure mi rendo conto che in questa pandemia molti raduni sono stati resi impraticabili o impossibili. Ho incoraggiato i direttori di pompe funebri e le famiglie a cercare di avere una breve cerimonia immediata, anche se solo tramite Zoom o Skype, seguita da un servizio funebre più ampio una volta revocate le restrizioni. Alcune persone hanno anche tenuto un servizio intimo e informale nelle proprie case per celebrare la morte e onorare la persona che è morta.

Per favore, sappi che non è mai troppo tardi per avere una cerimonia, e soprattutto se non sei stato in grado di stare con la persona morente o il corpo in seguito, tenere diverse cerimonie è una buona idea. Chiedi a un ecclesiastico, celebrante o amico di aiutarti. Scoprirai che le persone che non sono state in grado di sostenerti al momento della morte vorranno fornirti il ​​supporto di cui hai bisogno e che meriti. E invitare amici e familiari a sostenersi a vicenda è qualcosa di cui sarai sempre felice di averlo fatto. Per raggiungere l’obiettivo di più cerimonie, potresti avere un servizio di lume di candela immediato a casa tua, un servizio sulla tomba o di dispersione il prima possibile e una cerimonia di piantumazione di alberi nell’anniversario della morte, ad esempio.

In sostanza, cerimonia e rituale hanno il potere di riempire parzialmente alcuni dei buchi creati dalle circostanze della morte per COVID-19. E non è mai troppo tardi per usarli.

Se sei separato dai tuoi sistemi di supporto

Mentre la maggior parte di noi si sta riparando sul posto, siamo lontani dalle persone con cui normalmente parleremmo, abbracceremmo e ci stringevamo vicino durante un periodo di grande perdita.

Se questo è vero per te, ti esorto a utilizzare tutti gli strumenti tecnologici che puoi per raggiungere le persone a cui tieni. Le videochiamate sono probabilmente il miglior sostituto per le conversazioni faccia a faccia. Le chiamate vocali sono le seconde. Dopodiché, funzionano anche e-mail, messaggi di testo e social media. E non dimenticare il potere della lettera scritta a mano! Il punto è rimanere in contatto il più possibile ED essere aperti e onesti in quelle comunicazioni su qualunque cosa tu stia provando o con cui stai lottando in questo momento. Il tuo candore incoraggerà anche gli altri a essere onesti, creando l’opportunità di supporto reciproco e gentilezza.

Oltre a creare un’ancora di salvezza nel momento della separazione, questi strumenti ti aiuteranno a mantenere e costruire le tue relazioni importanti in modo che quando le restrizioni sugli assembramenti e sui viaggi saranno finalmente revocate, avrai le forti connessioni e il buon slancio di cui hai bisogno. Tutti saranno sulla stessa pagina e pronti a sostenersi a vicenda di persona. Puoi persino usare questo tempo trascorso a casa per pianificare cerimonie, costruire pagine commemorative online e raccogliere foto, filmati e cimeli della persona che è morta.

Se sei arrabbiato, ansioso, autoincolpato o ti senti in colpa

In complicate circostanze di lutto, questi sentimenti sono particolarmente comuni. Sono normali! I sentimenti non sono giusti o sbagliati, lo sono e basta. Per favore, non complicarti ulteriormente la vita giudicando i tuoi sentimenti o pensando di essere anormale.

Forse sei arrabbiato per il modo in cui la persona che è morta ha contratto il coronavirus o è stata assistita mentre era malata. Forse ti senti ansioso che tu o qualcun altro abbiate la malattia (e forse morite), o forse la morte ha dato origine ad ansia per le finanze e altre realtà della vita. Forse incolpi te stesso per qualche aspetto di quello che è successo. E forse ti senti in colpa per il fatto che stai ancora vivendo mentre la persona amata non lo è.

Di nuovo, questi e altri sentimenti sono normali e comuni nel dolore, e specialmente nel dolore complicato. Ogni volta che provi una sensazione a disagio o “bloccata”, la chiave è esprimerla tutte le volte che è necessario perché inizi ad ammorbidirsi. Lo esprimi condividendolo con un amico, scrivendolo in un diario o parlandone in un gruppo di supporto o con un consulente per il dolore, per esempio. Esprimere il tuo dolore è chiamato lutto, e il lutto è il modo in cui, nel tempo, passi un giorno alla volta verso la guarigione.

Capisco che in questo momento, la natura traumatica della morte per COVID-19 della persona amata e i tuoi pensieri e sentimenti al riguardo possono colorare ogni aspetto del tuo dolore. Fa parte del tuo dolore, ma non è la totalità del tuo dolore. Altri fattori che contribuiscono al tuo dolore includono la natura del rapporto che hai avuto con la persona che è morta, la tua personalità unica, il tuo background religioso e culturale, il tuo genere, la tua età, le tue precedenti esperienze di perdita e altri. Il tuo dolore è una complicata miscela di pensieri ed emozioni, la maggior parte dei quali deriva dal tuo amore per la persona che è morta. Col tempo scoprirai che il tuo dolore riguarda tanto o più la vita che la morte.

Se sei in grado di raccogliere il coraggio di piangere attivamente e usare la cerimonia, nel tempo troverai la strada per una vita rinnovata di significato e scopo. Ricorda, non sei solo e non ci sono ricompense per la velocità. Spero che condividerai con me la tua storia sul coronavirus e i tuoi consigli sul dolore all’indirizzo [email protected]

Circa l’autore
Alan D. Wolfelt, Ph.D., è un autore, educatore e consulente del dolore. È direttore del Center for Loss and Life Transition ed è docente del Dipartimento di medicina di famiglia della University of Colorado Medical School. Il dottor Wolfelt ha scritto molti libri di successo sull’affrontare il dolore, tra cui Il dolore un giorno alla volta e il primo soccorso per i cuori infranti. Visita www.centerforloss.com per saperne di più sul dolore e la perdita e per ordinare i libri del Dr. Wolfelt.