Affascinanti rituali di morte e credenze tibetane
I buddisti credono nella reincarnazione.

A differenza delle opinioni della società occidentale, la morte tibetana non è qualcosa con cui si dovrebbe avere paura. Fa parte del ciclo continuo della vita. I buddisti ritengono che le persone nascano, muoiano e rinascano.

Morte e reincarnazione

I buddisti in Tibet credono che una persona dovrebbe essere preparata alla morte. Viviamo tutti con la consapevolezza che la morte è una certezza, anche se l’ora esatta del nostro trapasso non ci è nota. Poiché la vita è breve, è importante rendere significativo il tempo trascorso qui. I buddisti sono incoraggiati a visitare un cimitero per affrontare la propria morte.

È importante che i buddisti tibetani affrontino la morte senza paura, poiché ciò garantirà una buona rinascita. Credono che gli studiosi più avanzati della fede non dovrebbero avere né paura né rimpianti al momento della loro morte.

La prossima vita

La mente umana è l’unica cosa che sopravvive per passare alla vita successiva; non siamo in grado di portare con noi le cose da questo mondo. Gli insegnamenti tibetani sulla morte sostengono che non dobbiamo attenerci a queste preoccupazioni mondane:

  • Ricchezza
  • La propria posizione nella vita
  • Possedimenti

Amici e familiari non possono impedirci di morire, non importa quanto si prendano cura di noi. Neanche loro sono in grado di accompagnarci nel nostro viaggio verso l’altra vita. Anche i nostri corpi devono essere lasciati indietro, perché non ci servono più.

Dopo la morte della persona, l’anima o coscienza non rinasce immediatamente. Invece, viaggia verso il bardo, che è un luogo di transizione. La coscienza rimane lì per ben 49 giorni prima di rinascere.

Rituali di morte tibetani

Dopo la morte, il corpo viene consegnato ai monaci, che recitano le preghiere del Libro tibetano dei morti. Cibo e bevande sono presentati come offerte.

Libro tibetano dei morti

Il Libro tibetano dei morti, noto anche come Bardo Thodol, contiene una descrizione dei tre stati che la coscienza attraversa o sperimenta tra le vite. Questi tre stati sono i seguenti:

  • Il momento della morte della persona (il “chikhai bardo”)
  • Vivere la realtà, in cui la persona appena deceduta vede visioni di Buddha (il “conyid bardo”)
  • Rinascita (il “sidpa bardo”)

Questi bardo possono essere paragonati alle esperienze di pre-morte in quanto la persona muore, vede una figura religiosa corrispondente alla sua fede religiosa e torna in vita (sebbene nello stesso corpo).

Smaltimento del corpo

I tempi e il metodo di smaltimento sono determinati dall’uso dell’astrologia. Dal momento che è disponibile pochissimo terreno per l’internamento per una morte tibetana, in quel paese vengono utilizzate altre opzioni. Due metodi di smaltimento del corpo utilizzati dopo una morte tibetana sono la cremazione e l’esposizione agli elementi (noto anche come sepoltura nel cielo tibetano).

Se il corpo deve essere cremato, le persone in lutto formano un corteo e accompagnano il defunto al luogo della cremazione. I mantra vengono cantati lungo la strada.

Nel caso di una sepoltura nel cielo tibetano, il corpo viene trasportato in un cimitero. Gli indumenti vengono rimossi prima che il corpo sia legato a un palo. La conservazione del corpo non è considerata importante, poiché il corpo è semplicemente un vaso vuoto. Invece, il corpo della persona deceduta fornisce cibo per animali e uccelli rapaci. Questo è considerato un gesto molto generoso compiuto dal caro defunto e dalla sua famiglia.

Sebbene le sepolture nel cielo fossero state vietate dai cinesi negli anni ’60, la pratica fu nuovamente consentita a partire dagli anni ’80. È un’opzione di smaltimento disponibile solo per i tibetani nativi.

©2022. Tutti i diritti riservati.