Pagina gestita da:   admin

Invia un messaggio a admin

Lina Pertugi

Α13/09/1914, Silvano Pietra (PV)Ω13/01/2013, Silvano Pietra (PV)

Un pensiero dolce a te, zia Lina, piccola donna taciturna ma tanto espressiva. Con uno sguardo comunicavi più di mille parole. Ti ricordiamo con tanto affetto. Laura, Valeria, Claudia e Giacomo.
 

Un ricordo di Laura

Ogni domenica che venivamo a trovare le zie a Silvano Pietra, il paese dove è nata la mia nonna, tu eri la prima da cui venivamo a bussare. Tiravamo il pesante campanello del tuo grosso cancello in legno e tu, piano piano, ti incamminavi per venirci ad aprire. Sei sempre stata un vulcano racchiuso in un metro e mezzo di donna: avevi sempre una critica per tutti, con quel tuo sguardo schietto e la tua voce ferma che sapeva solo parlare dialetto e quanto mi piaceva ascoltarti discutere con tua sorella una lingua a me sconosciuta. Vogliamo parlare della tua lasagna? La migliore del mondo! Il tuo ricordo ha per me l'odore delle cose vere, genuine e semplici; mi ricordano di te l'odore delle cantine, dei pollai, delle case fredde di campagna. Una vecchia bicicletta, un bicchiere di Fanta, le ciambelle di basta frolla mi ricordano te, piccola donna con un gran carattere. Ti penso sempre con tenerezza. Un abbraccio, Laura
11 gennaio 2016
 

Nessun Commento

Lascia un commento

 

Biografia

Questa pagina del ricordo al momento non dispone di una Biografia

 

Un ricordo di Laura

Ogni domenica che venivamo a trovare le zie a Silvano Pietra, il paese dove è nata la mia nonna, tu eri la prima da cui venivamo a bussare. Tiravamo il pesante campanello del tuo grosso cancello in legno e tu, piano piano, ti incamminavi per venirci ad aprire. Sei sempre stata un vulcano racchiuso in un metro e mezzo di donna: avevi sempre una critica per tutti, con quel tuo sguardo schietto e la tua voce ferma che sapeva solo parlare dialetto e quanto mi piaceva ascoltarti discutere con tua sorella una lingua a me sconosciuta. Vogliamo parlare della tua lasagna? La migliore del mondo! Il tuo ricordo ha per me l'odore delle cose vere, genuine e semplici; mi ricordano di te l'odore delle cantine, dei pollai, delle case fredde di campagna. Una vecchia bicicletta, un bicchiere di Fanta, le ciambelle di basta frolla mi ricordano te, piccola donna con un gran carattere. Ti penso sempre con tenerezza. Un abbraccio, Laura
11 gennaio 2016
 

Nessun Commento

Lascia un commento

 

Foto

Questa pagina del ricordo al momento non contiene alcuna fotografia

Registrati per contribuire alla pagina

 

Video

Questa pagina del ricordo al momento non contiene alcun video

Registrati per contribuire alla pagina

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare il servizio che ti offriamo e cookie di terze parti per inviarti pubblicità o servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni trattamenti vai alla nostra Cookie Policies. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.